La pietra nellarte. Percorso geologico culturale in Valle dAosta.pdf

La pietra nellarte. Percorso geologico culturale in Valle dAosta

Roberto Marrone, Gianluca Brancolini

Il presente volume sintetizza le caratteristiche mineralogiche, il degrado e il restauro dei materiali lapidei, in particolare quei materiali impiegati per la valorizzazione territoriale di edifici e monumenti storici. Nel primo capitolo si analizzano i materiali lapidei dal punto di vista della loro classificazione e composizione minero-petrografica. Il secondo e terzo capitolo delineano le principali cause del degrado dovuto allambiente circostante e agli interventi di restauro. Nel quarto e quinto capitolo vengono esaminati alcuni casi studio e in particolare i materiali lapidei impiegati nei monumenti della Valle dAosta.

L'attuale allestimento nell'ex convento di San Domenico risale al 1988 e propone la collezione, formata da opere di varie epoche e scuole, di vario formato e differenti qualità, in un percorso che ricollega le opere in museo con il patrimonio di edifici e documenti artistici presenti in città.

3.73 MB Dimensione del file
8827823883 ISBN
La pietra nellarte. Percorso geologico culturale in Valle dAosta.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.nuovaorganizzazioneimprese.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La Pietra. Il mestiere e l’arte del decorare. Storia della lavorazione della pietra nella provincia di Cosenza Museo delle Arti e dei Mestieri 18 Giugno-27 Settembre 2015 Curatore della mostra

avatar
Mattio Mazio

19/06/2019 · Valle d’Aosta alla fine del I secolo a.C. La frequentazione, documentata fin dall’epoca preistorica, dei due valichi dell’ Alpis Graia (Piccolo San Bernardo) e dell’ Alpis Poenina (Gran San Bernardo), dimostra la persistenza dei tracciati di comunicazione, trasformati in età romana in una viabilità più strutturata, di cui si conservano ancora tratti significativi.

avatar
Noels Schulzzi

Percorsi guidati nell'arte del Medioevo italiano suddivisi per aree geografiche

avatar
Jason Statham

Monte San Giorgio, massiccio montuoso di forma piramidale situato a sud del lago di Lugano, fra Lombardia e Svizzera, è un sito di estrema importanza storica, archeologica e scientifica. Punto di riferimento mondiale per la ricerca paleontologica, il versante italiano di Monte San Giorgio è stato inserito, nel 2010, nel World Heritage List dell'UNESCO, completando così il riconoscimento che L'attuale allestimento nell'ex convento di San Domenico risale al 1988 e propone la collezione, formata da opere di varie epoche e scuole, di vario formato e differenti qualità, in un percorso che ricollega le opere in museo con il patrimonio di edifici e documenti artistici presenti in città.

avatar
Jessica Kolhmann

Percorsi guidati nell'arte del Medioevo italiano suddivisi per aree geografiche Arte Romana: Molti insigni monumenti risalgono all’epoca romana, in gran parte presenti intorno e dentro la città di Aosta, definita non a caso la “Roma delle Alpi “.La città - Augusta Praetoria - fu fondata nel 25 a.C. con le mura dal perimetro di circa 2500 metri e una ventina di Bastioni: nei quattro punti cardinali si trovavano le quattro porte principali.